sabato sera al miami

oltre al freschino dell'idroscalo, con un po' di fanghiglia che faceva festival nordico, e alla gradevole sensazione della presenza di tanta gioventù sveglia (che, era piacevole immaginare, il giorno dopo sarebbe andata a votare ai referendum) ho apprezzato la scoperta degli iori's eyes che mi sembrano una band da seguire – il primo pezzo loro che ho sentito era questo, ma non bisogna lasciarsi ingannare dalla tastiera così, per citare loro, 1982, perché le canzoni risultano dotate di un loro spessore versatile, come si può sentire da un live radiofonico acustico.
piaciuta meno la scelta dei concerti di punta dei due palchi (casino royale e marco parente) che ho trovato un filo retrograda per questo tipo di festival (anche se coerente con la varietà del programma).
in realtà non ho poi visto granché, vagabondando fra i 2 palchi per qualche ora, ma parevano interessanti gli LNRipley di cui mi sono poi ritrovata un'intervista nel volume londra zero zero comprato al banchetto dell'agenzia x.  conto di leggiucchiarlo per lumi su grime e dubstep; per ora ne ho evinto che nel terzo millennio si può ancora planare dall'italia a londra e atterrare in uno squat, ma sarà a hackney.

Annunci

6 thoughts on “sabato sera al miami

  1. fuchsia giugno 13, 2011 / 10:09 pm

    Iori’s Eyes. Me li consigliò tempo fa un giovane collega. Li trovo interessanti anch’io. Melodici e minimali. Come esprimere molto con poco.

    Mi piace

  2. rose giugno 13, 2011 / 11:54 pm

    luca: sotto il nume tutelare di iain sinclair!
    fuchsia, se li vedi dal vivo sono dei commoventi young aliens. mi ricordano gli xx, ma neanche poi eccessivamente.

    Mi piace

  3. LF giugno 14, 2011 / 8:41 am

    Su Sinclair so cose che sono costretto a tacere, almeno finché non uscirà il libro nuovo tra un paio di settimane. Mi limito a un: consigliatissimo, specie ai milanesi in vista dell’Expo.

    Mi piace

  4. rose giugno 14, 2011 / 9:53 am

    da quelle parti è questione di olimpiadi, mi pare… speriamo che non le facciano mai a milano, non oso immaginare *#*

    Mi piace

  5. LF giugno 15, 2011 / 10:46 am

    In realtà temo che, a parte l’evidente disparità di richiamo mediatico ed economico, le differenze tra Expo e Olimpiadi (impatto ambientale, culturale, urbanistico) non siano poi tante.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...