nel weekend

c'è stato il record store day 2010, ma io non me ne sono accorta prima di leggere qua (vedi a volte, a non essere su facebook), tuttavia proprio ieri ho ordinato – via internet – un disco in vinile. l'acquisto permette il download di una copia digitale dell'album, così stamattina ho potuto cominciare a sentirlo sull'ipod mentre andavo al lavoro.  consapevole di desacralizzare l'agognato arrivo della copia, moltiplico almeno le occasioni di ascolto, cosa vitale nella mancanza di tempo… cronica.  con tutto il mio atavico attaccamento al vinile e il bisogno che ho almeno della copia in cd di un album – se no mi pare di non riuscire ad assimilarlo veramente – devo dire che non scambierei l'accesso alla cultura attuale con i vecchi tempi.  certo, c'è il rischio della dispersione, della superficialità, dell'appiattimento di parole e suoni e immagini in un continuum digitale ma insomma… in casa mia non si sentiva musica, a me invece cominciò a interessare e i primi approcci dovettero passare attraverso questo armamentario e i 45 giri al mercato ambulante del giovedì!  pittoresco ma arduo.
ciò detto, mi propongo per il resto dell'anno di fare una piccola statistica su dove compro i dischi.  perché la verità è che adoro i negozi di dischi come luogo, ma da troppo ormai: non ho tempo ad andarci; mi intimidiscono perché non sono più aggiornata come un tempo; se ci vado magari non trovo quello che mi serve.  mi sono dunque disciolta nei tempi moderni?  non so più se i metodi prevalenti della fruizione culturale risultano conformi alla mia attuale mancanza di concentrazione o viceversa.

Annunci

10 thoughts on “nel weekend

  1. ivan aprile 20, 2010 / 12:24 pm

    e cmq non ci hai detto che disco hai acquistato…
    ps.: per un periodo li ho frequentati quei negozi di varese e gallarate di cui nel post linkato…chissà magari mi son trovato proprio di fronte a lui nel negozio di gallarate (a chiedere e a pagare no, perchè a quello ci pensava esclusivamente il ‘titolare’ del negozio!)
    pps.: ‘noi’ siam sempre qui che attendiamo…

    Mi piace

  2. rose aprile 20, 2010 / 4:46 pm

    caro ivan, certo che è riprovevole non venire a trovarti neanche per il record store day! magari, se comincio a organizzare adesso, fra un anno ci arrivo (potrei coinvolgere anche la mia amica – trattasi infatti di una lei)

    Mi piace

  3. ivan aprile 20, 2010 / 6:23 pm

    ops che ‘gaffa’….non cerco giustificazioni è che son partito pensando che fosse uno e sono andato via spedito!
    e cmq non ci hai detto che disco hai acquistato…

    Mi piace

  4. fuchsia aprile 20, 2010 / 9:02 pm

    Cara Rose, urge organizzare anche una spedizione presso il negozio di Ivan, che sarei ben felice di conoscere o, chissà, di rivedere.
    Il discorso sulla tecnologia è un po’ impegnativo; in estrema sintesi dirò che anch’io non tornerei indietro, però una cosa è arrivare alla tecnologia dopo averne fatto a meno per metà della propria vita; altro è nascerci, con la tecnologia. Si tratta di forme mentali completamente differenti e, quindi, di fruizioni del tutto diverse.
    Infine vorrei sapere anch’io che disco hai comprato. O dobbiamo indovinare?

    Mi piace

  5. ivan aprile 20, 2010 / 9:28 pm

    secondo me ha preso l’ultimo di robyn hitchcock…
    ps.: potrei dire molto sulle mie frequentazioni milanesi (supportifono carlo villa ciuffo e sergio e pure l’antipatico ugo) e varesotte (carù ed anche a varese la bottega della musica con rocco poi alla casa del disco, chissà che fine ha fatto…rocco…dico…) il tutto partendo da vicenza…

    Mi piace

  6. hanz aprile 20, 2010 / 9:45 pm

    oddio carlo villa, l’avevo rimosso. l’ultima volta che entrai da supporti poco prima che chiudesse è stato molto triste, era tempo che non ci andavo e non me l’aspettavo così… diverso, vuoto, snaturato. comunque non so voi, ma io ai tempi andavo a sbirciare le novità da supporti e poi andavo a comprare da psycho che era decisamente più economico!

    Mi piace

  7. fuchsia aprile 20, 2010 / 9:45 pm

    Caro Ivan, ne abbiamo di cose da dirci. Rocco è vivo e vegeto e organizza la fiera del disco di Varese (www.area96.it). Piccolissimo il mondo!

    Mi piace

  8. fuchsia aprile 20, 2010 / 9:47 pm

    Ho saputo proprio ieri cha Carlo Villa adesso fa il tassista. Ma che blog di gossipari che è diventato, questo! Che la padrona di casa intervenga! 🙂

    Mi piace

  9. ivan aprile 20, 2010 / 9:57 pm

    anvedi….domani vedo di cercare (di riuscire) a recuperarlo, rocco…magari si ricorda pure anche se son passati un bel tot di anni (complice il fato cheu no partisse da vicenza per andare a busto a. a trovare la sua ‘morosa’ avesse una passione per david sylvian e conoscesse molto bene flavio del pick up di bassano d/g)

    Mi piace

  10. rose aprile 20, 2010 / 10:52 pm

    ma siete tremendi, intanto che io facevo ricerche per un pur magro nuovo post, voi a spettegolare su gente che non conosco (per ora. magari alla prossima fiera di varese…)
    e ovviamente ivan ha indovinato, che cosa imbarazzante.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...