essere attempati al cinema

è di solito cosa più accettabile che nel controverso ambiente musicale con i suoi miti giovanilistici.
e clint eastwood continua a veleggiare ispirato verso gli ottanta: dopo il meno azzeccato changeling ecco gran torino, imperdibile cattiva commovente summa di tutti i suoi personaggi, dal western a dirty harry e oltre.

Annunci

2 thoughts on “essere attempati al cinema

  1. hanz luglio 18, 2009 / 1:42 pm

    madonna che bello “gran torino”. mai come in questo film la monoespressione del vecchio clint (in questo caso, per citare Leone, quella “senza il cappello”) è stata più azzeccata.
    una maschera impassibile che in realtà è protagonista di un cambiamento, di un’evoluzione radicale e spettacolare. in questa storia e – a pensarci – nella sua intera carriera, nel modo di raccontare storie, nella capacità e sensibilità di farci vedere il mondo coi suoi occhi.
    penso a “gli spietati”, a “million dollar baby”, a “mystic river”, e non ne trovo, altri così.

    Mi piace

  2. rose luglio 19, 2009 / 4:04 pm

    pure io appartengo alla generazione che era pronta per lasciarsi commuovere dall’era-clint iniziata con gli spietati.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...