non andavo in sardegna

Sardegna
dal 1998, una delle prime vacanze con p.: era un campo di legambiente a guspini, vicino alle miniere di montevecchio.

questa volta invece, giro in tenda della costa settentrionale, da olbia ad alghero con escursioni all’interno.  ho ripreso da poco a fare campeggio e mi stressa il nuovo problema – non so se tipicamente sardo; in corsica per esempio non sussiste – di evitare i «campeggi-villaggio» carissimi, pieni di animazione, chiasso, tessere club ecc ecc.
vibrazioni positive a marina delle rose: fitta pineta, bel litorale nordico, kitesurfers.

il punto più ridicolo della rough guide: segnala un dolmen alto 6 metri (neanche stonehenge, temo).  sì, benché privi della guida di julian cope abbiamo fatto un po’ di tappe archeologiche: vicino ad arzachena i siti di li muri e li lolghi (questa sembra proprio la tomba dei giganti della copertina di the megalithic european), il suddetto dolmen ladas a luras (ci siamo andati col preciso scopo di ridicolizzare la rough guide) e, quanti ai nuraghi, santu antine.

sono stata ad alghero, ma non in compagnia di uno straniero.
la mia ricerca su internet dà come controversa la ricetta degli spaghetti all’algherese. comunque, se si può aggiungere della bottarga, perché non farlo.

il penultimo giorno siamo finiti a berchidda, sede del festival di paolo fresu, dove suonava steve coleman.

la strana deportazione su traghetti moby (penso sia per l’enormità della nave e della gente, ma l’esperienza del traghetto è brutta) ha consentito perlomeno di leggere un bel po’.

Annunci

11 thoughts on “non andavo in sardegna

  1. Garnant agosto 17, 2008 / 8:39 pm

    L’altra settimana in appennino L. ha terrorizzato una tenda di orrendi giovinastri rumorosi che schiamazzavano alle 4 del mattino. Una soddisfazione.

    Mi piace

  2. LF agosto 18, 2008 / 8:26 am

    Coincidenza: fatto quasi lo stesso giro, evitando però Alghero (già vista e poco amata: dopo un’incursione prolungata nell’interno, l’anno scorso, ci era sembrata una specie di club med). Sì, sulla copertina di Megalithic European c’è Li Lolghi – strano che in zona non siate finiti anche alla tomba di Coddu Vecchiu, altrettanto ben conservata (anzi, forse anche meglio).
    Le mie letture propedeutiche dovrebbero riguardare Berlino, ma il tempo manca. Vedremo.

    Mi piace

  3. rose agosto 19, 2008 / 7:08 pm

    coddu vecchiu saltato purtroppo perché limitavamo le visite culturali alle ore… «fresche» – la zona di arzachena in effetti meriterebbe una permanenza più prolungata.
    A me alghero è piaciuta: troppi negozi di souvenir, senz’altro, ma ha una sua personalità (sarà che ogni tanto una città mi ci vuole, anche piccolina).

    Mi piace

  4. rose agosto 19, 2008 / 7:15 pm

    berlino: da profana, io adottai la dotazione minima: infanzia berlinese di benjamin, berlin alexanderplatz e la guida clup.

    Mi piace

  5. tuscia agosto 27, 2008 / 7:40 pm

    in netto ritardo, ma tocca consigliarlo. Scritto in un meraviglioso italiano. A me è piaciuto talmente tanto, che trovandomi là…ho scovato con piacere l’autrice, il cui blog, tra l’altro, merita incursioni: Michela Murgia, Viaggio in Sardegna, Einaudi.

    Mi piace

  6. rose agosto 27, 2008 / 11:04 pm

    grazie, da leggere per la prossima volta!

    Mi piace

  7. LF settembre 4, 2008 / 9:41 am

    …poi è finita che a Berlino ci sono andato soltanto con “Hitler” di Genna sul groppone, e mannaggia a me che ho lasciato sulle librerie un sacco di volumi di architettura (non so il tedesco) sulle distruzioni e ricostruzioni berlinesi (ultima nuova entrata il Palast der Republik, trasformato in sei monconi di cemento armato – foto appena ho tempo).

    Mi piace

  8. hanz settembre 22, 2009 / 12:31 am

    arrivo con più di un anno di ritardo e ti chiedo: ma “the megalithic european” dell’arci-druido ce l’hai? no, perchè io ne ho due copie. è una lunga storia, ma nemmeno poi tanto. non si sa mai, doveste tornare a cercare i 6 metri di dolmen…

    Mi piace

  9. rose settembre 22, 2009 / 8:17 am

    ma vendimene una, che serve sempre (finora avevo resistito all’acquisto amazoniano)

    Mi piace

  10. hanz settembre 23, 2009 / 10:50 pm

    trovata, in cantina. come dicono nei migliori negozi online, “like new” (o se preferisci “in mint conditions”). preparo la carriola. 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...