il film londinese di cronenberg

alla fine è arrivato (e non è tratto da martin amis). come già si è detto, è uno history of violence 2 – non solo per l’immane presenza di viggo mortensen – dove la violenza è ancora più inevitabile e ambigua (ogni azione «professionale» del protagonista richiede prima qualche orrenda brutalità; la personalità che rimane nascosta per sempre è quella «buona»).  e non mancano i rovelli cronenberghiani su indentità incerte e corpi mutanti, né i grandi attori.  eppure qualcosa manca:  i nessi narrativi sembrano un po’ ridotti a una serie di andirivieni in macchina e in moto, la voce fuori campo non mi ha convinto del tutto, e l’epilogo mi ha colto di sorpresa – mi pare che il finale arrivi troppo presto.
insomma sono abbastanza d’accordo con recensioni come reelviews e antagony and ecstasy.

Annunci

One thought on “il film londinese di cronenberg

  1. PAR3RG0N gennaio 5, 2008 / 1:55 pm

    da pochi giorni sono nuovamente in possesso di connessione domestica / ne approfitto per farti gli auguri – tardivi ma sinceri – per il nuovo anno / …anche alla componente felina della famiglia 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...