è estate e fare questa scansione mi è costato la disidratazione

Mementomori_1avendo appena letto muriel spark in un nuovo penguin, mi è venuto in mente di avere questo vecchio penguin. cover design by terence greer. ora mi allontano dal computer perché produce troppo calore, vado a vedere west and soda in tv.

Annunci

17 thoughts on “è estate e fare questa scansione mi è costato la disidratazione

  1. Superqueen giugno 28, 2005 / 9:22 am

    Quella bocca in copertina è un pò inquietante, però! Non so se l’hai già letti, ma di Muriel Spark trovo bellissimo ‘Symposium’, probabilmente perchè è il suo primo libro che ho letto.

    Mi piace

  2. liseuse giugno 28, 2005 / 8:44 pm

    Com’è Miss Brodie, rose? L’ho ordinato in biblioteca.
    E l’idraulico, com’era? ;o)

    Mi piace

  3. rose giugno 28, 2005 / 9:57 pm

    è un racconto bellissimo, memorabile – non so perché non avevo letto altro di MS, per fortuna ora torna di prepotente attualità. magari continuo seguendo il consiglio di superqueen.
    l’idraulico, come da manuale: si è fatto aspettare, aveva un qualcosa di rude e fascinoso, ha preso le misure, si è fatto dare il mio numero, ha detto che mi chiama per il preventivo e ha adombrato di essere libero sabato, ma so che dovrò richiamarlo io…
    (come si fa a fare il nasone agli smilies?)

    Mi piace

  4. liseuse giugno 28, 2005 / 10:39 pm

    Il nappone è una lettera dell’alfabetoooooooooo, indovina quale? ;o)
    L’uso del nappone l’ho preso da un mio ex che aveva un bel nasetto e lo riproduceva anche nei suoi smilies, carino. Aveva un che di rude e fascinoso pure lui, e ora certe mie amiche, sentendosi libere di dirlo senza tema di essere prese a scudisciate da me, me lo ribadiscono, pure.
    Vabbè, tienici aggiornate sul “preventivo” dell’idraulico non polacco!

    Mi piace

  5. rose giugno 28, 2005 / 11:05 pm

    mi sembrava un pallino più piccolo della o, illusione ottica. immaginavo un esoterico carattere ascii…

    Mi piace

  6. s. giugno 29, 2005 / 5:11 pm

    muriel spark è un mito familiare! e lo era già prima della pazzia di miss brodie che ci ha debitamente contagiato con la sua passione. non c’è riunione familiare in cui non venga citata almeno una volta… “It lifts one up”!

    Mi piace

  7. avi giugno 29, 2005 / 6:43 pm

    “I really must remember this year to ask you speak in complete sentences”.
    Miss Brodie vi suggerisce di leggere “Loitering with intent” (in italiano “Atteggiamenti sospetti”) un capolavoro tra i capolavori di MS.

    Mi piace

  8. avi giugno 29, 2005 / 6:44 pm

    “to speak in complete sentences” maledetta tastiera !

    Mi piace

  9. s. giugno 30, 2005 / 1:59 pm

    ok – concordo con il giudizio di avi, ma “Territorial Rights” resta il mio preferito. (a quanto pare la pensiamo molto diversamente da quanto afferma questo scaruffi qui http://www.scaruffi.com/writers/spark.html )
    e poi c’è “a far cry from kensington” letto ancora in bozza – avi riuscì a ottenerne una copia prima ancora che fosse pubblicato…
    (rose, mi sa che centriamo anche noi in questa storia di identità controverse tratte dal “Prime”, perché s. sta per sandy!!! io sono Sister Helen of Transfiguration!)
    “Your heads up, girls! – What are you doing Sandy?”
    …potremmo andare avanti per delle ore! 😉

    Mi piace

  10. rose giugno 30, 2005 / 5:17 pm

    oh scaruffi…
    ecco, quanto a rose mio alter ego brodiano, purtroppo devo dire che non sono mai stata famous for sex.
    sandy, tu in effetti con le foto fai un po’ di transfiguration of the commonplace, no?
    l’idraulico ha chiamato, e il preventivo evidentemente è orrido. sabato mi devo alzare presto per lui, e poi ci sarà la sordida scenetta “con fattura/senza fattura”…

    Mi piace

  11. s. luglio 1, 2005 / 8:24 am

    vedo che stai al gioco!!
    sul discorso iva incluso stendiamo un velo pietoso… beauty comes first!

    Mi piace

  12. liseuse luglio 2, 2005 / 11:48 am

    Bene, aggiornamenti col plumber? La scenetta? Comunque, che dire dell’infermiera del ginemedico che serafica mi disse testualmente (molti anni fa, non ci sono più andata colà): 200 senza, 250 senza. E senza neppure guardarmi in faccia, tale e tanta era la pratica. La visita era stata di controllo, mi ero seduta cinque minuti all’iperlussuosa scrivania in cristallo boemo del ginemedico. Complimenti.
    Vado leggendo Miss Brodie, in italiano però (la traduttrice è una persona così deliziosa, vista dal vivo, che mi fido :))

    Mi piace

  13. rose luglio 3, 2005 / 6:10 pm

    niente scenetta. questo idraulico ha il difetto che arriva il ritardo, ma il pregio dell’onestà: è del parere che le tasse vadano pagate. complimenti. staccato assegno per euro 578 e sacrificata tutta la giornata del sabato (per lo più aspettando). appreso che un miscelatore per doccia costa più di 150 euro.
    l., confido anch’io che la traduzione bottiniana sia buona (è anche un libro che ben si presterebbe a un bell’esercizio di lettura parallela orig-trad).

    Mi piace

  14. avi luglio 4, 2005 / 5:33 pm

    Avi aveva avuto “A far cry from Kensington” in bozza (pre-publication, darling) in quanto scrisse la sua tesi cantabrigiense proprio sull’opera di Spark. Ebbe anche un breve scambio con l’autora herself (conserva gelosamente tre lettere con firma autografa). And now she goes on her way rejoicing.
    [“Symposium” è funny ma scialbo rispetto ai precedenti].

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...